Categoria: Uncategorized

Bobtail Giapponese

Bobtail GiapponeseCome base per i tradizionali gatti di ceramica giapponesi posti in passerelle come simbolo di buona fortuna-quelli con una zampa alzata, che richiama i visitatori-il Bobtail giapponese è ben noto e molto popolare.

CARATTERISTICHE FISICHE

La Bobtail giapponese è di medie dimensioni e sottile, anche se ben muscoloso. Come suggerisce il nome, la caratteristica più sorprendente della razza è la sua coda corta, che è lunga circa quattro pollici (Anche se si piega in una forma Cavatappi, facendolo apparire ancora più breve). Nel frattempo, il suo bellissimo, morbido, e cappotto setoso può essere trovato in una varietà di colori e modelli.

PERSONALITÀ E TEMPERAMENTO

Un gatto di spettacolo nato, il Bobtail giapponese è audace, curioso, vigile, e facilmente colpito con gli sconosciuti. Sempre attento e amorevole, la coda di Bob fa per un compagno meraviglioso. In realtà, se vede una persona sconvolta, la Bobtail offrirà una zampa per il comfort.

Inoltre, il Bobtail è estremamente attivo e giocoso, soprattutto quando si tratta di saltare e saltellare intorno. Gode di compagnia umana, e può anche “conversare” in voci cinguettanti e una varietà di toni, che è stato chiamato “cantare” da alcuni allevatori.

STORIA E ANTEFATTOSTORIA E ANTEFATTO

L’origine della Bobtail è piena di ambiguità. Anche se non considerata esclusivamente Giapponese, questa antica razza sembra essersi sviluppata in altre regioni Dell’Estremo Oriente, tra cui Malesia, Thailandia e Birmania.

Ci sono molti riferimenti a gatti a coda corta nel folklore giapponese, tra cui la storia di un gatto la cui coda ha preso fuoco da una scintilla da un cuore vicino. Il gatto di jittery ha corso qui e yon e ha dato fuoco alle case nella città imperiale. Al mattino la città fu rasa al suolo e L’Imperatore, gettandosi a terra con rabbia, approvò un decreto che la coda di tutti i gatti doveva essere tritata corto per evitare un altro incidente.

C’è anche la leggenda di Maneki Neko, il “gatto che chiama” che ha attirato molti passanti; tanto che, infatti, la sua figura è oggi considerata un simbolo di buona fortuna nei negozi e nelle case. La facciata del Tempio di Gotokuji vicino a Tokyo raffigura anche una rappresentazione del gatto, che sembra sollevare una zampa come segno di benvenuto.

I gatti domestici sono venuto in Giappone dalla Cina e dalla Corea intorno al sesto secolo, anche se non è noto se questi gatti possedevano la coda corta di hallmark del Bobtail.

Nel XVII secolo molte treccine vagavano per le strade e la campagna del Giappone. Ci sono anche dipinti e stampe di legno dell’epoca raffiguranti gatti tri-colorati con code corte. Più spesso indicato in Giappone come mi-ke, i gatti sono bianchi con macchie grassetto o rosso e nero. Sono stati venerati dai giapponesi, che hanno fornito loro di vita lussuosa e coccolati in templi e palazzi.STORIA E ANTEFATTO

Tuttavia, il destino dei gatti sarebbe cambiato per sempre quando L’industria della seta giapponese è stata minacciata. Quando i topi iniziarono a distruggere preziosi vermi di seta e bozzoli su cui prosperava L’industria della seta giapponese, il governo dichiarò che tutti i gatti erano liberi di combattere la minaccia. Il Bobtail, poi costretto a difendersi per strada, è stato relegato in un gatto domestico comune.

Anche se è ancora considerato un simbolo di buona fortuna in Giappone oggi, il Bobtail probabilmente non sarà mai percepito con il simbolo di Stato come era una volta.

I primi Bobtail furono importati negli Stati Uniti all’inizio del 1900, anche se non sarebbero diventati popolari fino al 1968, quando Elizabeth Freret importò tre Bobtail dal Giappone. Insieme ad altri allevatori simili, Freret ha iniziato un programma di allevamento.

Nel 1969, La Cat Fanciers ‘ Association (CFA) accettò Bobtail giapponesi per la registrazione. Nel 1971, a Bobs fu concesso lo status provvisorio, e nel 1976 ottenne lo status di campione nel CFA.

Oggi, tutte le principali associazioni di gatti accettano il Bobtail giapponese per il Campionato. Recentemente una varietà a pelo lungo della razza ha inscenato un’apparizione negli Stati Uniti ed è stato accettato. È ormai ampiamente accettato che questa varietà dai capelli lunghi è vecchia come la varietà dai capelli corti.

No Comments Uncategorized

Pianificazione di un allevamento felino

Pianificazione di un allevamento felinoHanno raggiunto la pubertà, almeno 2,5 kg di peso corporeo ed esposti per almeno 14 ore di luce al giorno, in genere 6-9 mesi in più femmine; 6-9 mesi nei maschi, ma può essere ritardata fino a 12 mesi in alcune persone, soprattutto se la regina è nata all’inizio dell’anno, raggiungendo i 2,5 kg alla volta, mentre le ore di luce erano lunghe e diminuendo gradualmente, piuttosto che le regine nate successivamente, nell’anno che verrà raggiungere il 2,5 kg quando la luce del giorno sarà in aumento.

La regina e ‘ nella sua stagione riproduttiva?

Ciò può sembrare una dichiarazione ovvia, tuttavia da considerare: la maggior parte delle femmine vengono in calore solo durante periodi di lunga luce diurna. Essi richiedono circa 14 ore al giorno, che si verificherà nella maggior parte delle famiglie, anche se la fertilità si ritirerà nei punti dell’anno in cui esistono livelli inferiori di luce diurna. Alcune razze raggiungeranno la pubertà più velocemente di altre, ad esempio Siamese o birmano, al contrario di Manx o di alcune razze longhaed.

La regina e ‘ troppo vecchia? Le regine possono avere una vita riproduttiva molto lunga, anche superiore a 10 anni, ma la maggior parte di loro sperimentano una dimensione ridotta della cucciolata quando la regina invecchia.

Il ciclo estroso della regina può essere diviso in 4 componenti: proestro / estrus, interestro o diestro e anestro. Non può completare tutte e 4 le fasi prima di passare al ciclo successivo o di entrare in anestro stagionale, cioè polistro stagionalmente. Nella maggior parte dei casi, proestro ed estro sono misurati come uno stadio. La lunghezza del diestro è determinata dal fatto che si sia o meno verificato un accoppiamento fertile. I gatti sono ovulatori indotti, il che significa che la copulazione deve avvenire prima che abbia luogo l ‘ ovulazione. = = Note = = =

Il ciclo della Regina potrebbe assomigliare a questo.:

Scenario 1: estro seguito da No mating = interestrus; se c’è ancora abbastanza luce per tornare a estro, allora la regina ripeterà estro e interestrus fino all’accoppiamento o all’anestro.Il ciclo della Regina potrebbe assomigliare a questo.:

Scenario 2: estro seguito da accoppiamento unfertile= diestro di breve durata (40-45 giorni); questo può essere seguito da un ritorno a estro se ancora sufficiente luce diurna per promuovere la stagionalità o anestro se la stagione è finita.

Scenario 3: estrus seguito da un accoppiamento fertile che produce gattini (60-72 giorni)= o un ritorno a estrus in 7-14 giorni dopo un breve anestro lattazionale c’è luce sufficiente per promuovere la stagionalità o l’ingresso in anestro

Scenario 4: dopo la soppressione della ciclicità, la regina torna ad estrus all’inizio di una nuova stagione.

Estrus può essere breve fino a 2 e fino a 19 giorni. Inizia con l’accettazione comportamentale al montaggio da parte del tom. Può essere vista come una regina accovacciata con la sua estremità anteriore premuto al suolo e iperestensione della schiena (Lord). In questo modo, la regina presenta la sua vulva al maschio. Le femmine possono anche implacabilmente vocalizzare e possono essere inquiete nei loro tentativi di sollecitare affetto (petting) dai loro proprietari. In questo momento si osserva una scarica molto scarsa, ma occasionalmente si può osservare una quantità esigua di liquido limpido proveniente da una vulva leggermente gonfia.

L’accoppiamento con il tom è breve e quando ha successo, suscita un grido dalla regina e un “dopo-reazione” notato come rotolare, aggressività verso il tom, e leccare genitale. L ‘accoppiamento si verifica solo durante l’ estrus poiché le femmine sono ovulatrici indotte e in genere per stimolare l ‘ ovulazione è necessario più di un evento copulatorio.

I livelli di estradiolo oscillano tra il proestro/estro e l’interestro fino a quando non si è verificata una stimolazione sufficiente per generare e LH sbalzo dalla ghiandola pituitaria della regina e successiva ovulazione.

Interestrus è il periodo di estrogeni bassi e non ricettività relativa verso il maschio. Può durare 8-10 giorni. Visto insieme ad estrus, sembra il comportamento “in calore” tipico di questa specie.

Nel grafico seguente, l’ovulazione dovrebbe avvenire su un intervallo di 24-48 ore dopo il picco di LH. Gli ovociti sarebbero più fertili fino a 24 ore dopo l’ovulazione. Il periodo di 7 giorni di estrus è preceduto e seguito da 8 giorni di interestrus.

Diestrus segue estrus da un accoppiamento che ha portato all’ovulazione.

Si noti che ci sono alcuni casi di ovulazione spontanea nei gatti (fino al 30-35% delle regine) e anche matings che non portano a successo ovulazione. Nel queens, troppo presto un accoppiamento o troppo pochi eventi copulatori durante il periodo ricettivo della regina, può non stimolare abbastanza LH ipofisaria rilascio e successiva ovulazione. Il numero di ovociti ovulati è anche correlato al numero di matings, in quanto più matings risultano in più ondate di LH, fino ad un punto in cui la regina diventerà refrattaria, e questo si traduce in più ovulazioni. È richiesto più di un giorno di esposizione ad estrogeni in aumento prima che una regina possa rilasciare un aumento ovulatorio di LH, quindi in questo modo un singolo allevamento all’inizio del suo periodo ricettivo può non portare a gravidanza.

Poiché la regina può ovulare per alcuni giorni, se lasciata a vagare libera, o lasciata con più di un tom, i gattini possono appartenere a più di un sire Diestrus segue estrus da un accoppiamento che ha portato all'ovulazione. (superfecundation).

Se il diestrus segue l ‘ ovulazione nella regina, i livelli di progesterone aumenteranno di conseguenza, mentre i livelli di estrogeni rimangono relativamente al basale. Tuttavia, può essere dimostrato che qualche crescita follicolare si verifica anche durante la gravidanza in quanto la regina può ancora mostrare segni di estrus. Il fenomeno della superfetazione (gattini della stessa cucciolata di diverse età gestazionali) si ritiene che si verifichi aneddoto a causa di questi periodi di estrus e degli accoppiamenti successivi durante la gravidanza precoce. Anche se questo deve ancora essere provato, le regine che mostrano un’attività estrosa nel diestrus possono essere sensibili alla perdita di gravidanza a causa dell’aumento dei livelli di estrogeni e della possibile soppressione del progesterone.

Se la regina è incinta, diestrus sarà mantenuto fino a quando il corpo lutea vita è terminato (fattori per la morte di CL ancora sconosciuto) che è di circa 65-66 giorni. La durata gestazionale osservata a partire dal primo o dall’ultimo accoppiamento è stata di 58 giorni e di 74 giorni.

Aggiungendo ai misteri della Regina, è anche possibile per le regine consegnare i loro gattini per un periodo di 1-3 giorni. Se la regina è nervosa o stressata, lei può interrompere il processo di lavoro dopo la consegna di uno o più gattini e ancora fornire gattini Vivi sani durante un periodo del giorno in cui si sente più rilassata. La maggior parte delle consegne avviene per un periodo di tempo più breve (circa 20-30 minuti / gattino)

Prolattina inizia ad aumentare a metà gestazione nella regina incinta e si alza marcatamente subito prima del parto, aumentando sempre di più con l allattamento e l allattamento. Senza la stimolazione di allattamento (gattini morti o gattini separati dalla regina), i livelli di prolattina diminuiranno entro 1-2 settimane

 

No Comments Uncategorized