Bobtail GiapponeseCome base per i tradizionali gatti di ceramica giapponesi posti in passerelle come simbolo di buona fortuna-quelli con una zampa alzata, che richiama i visitatori-il Bobtail giapponese è ben noto e molto popolare.

CARATTERISTICHE FISICHE

La Bobtail giapponese è di medie dimensioni e sottile, anche se ben muscoloso. Come suggerisce il nome, la caratteristica più sorprendente della razza è la sua coda corta, che è lunga circa quattro pollici (Anche se si piega in una forma Cavatappi, facendolo apparire ancora più breve). Nel frattempo, il suo bellissimo, morbido, e cappotto setoso può essere trovato in una varietà di colori e modelli.

PERSONALITÀ E TEMPERAMENTO

Un gatto di spettacolo nato, il Bobtail giapponese è audace, curioso, vigile, e facilmente colpito con gli sconosciuti. Sempre attento e amorevole, la coda di Bob fa per un compagno meraviglioso. In realtà, se vede una persona sconvolta, la Bobtail offrirà una zampa per il comfort.

Inoltre, il Bobtail è estremamente attivo e giocoso, soprattutto quando si tratta di saltare e saltellare intorno. Gode di compagnia umana, e può anche “conversare” in voci cinguettanti e una varietà di toni, che è stato chiamato “cantare” da alcuni allevatori.

STORIA E ANTEFATTOSTORIA E ANTEFATTO

L’origine della Bobtail è piena di ambiguità. Anche se non considerata esclusivamente Giapponese, questa antica razza sembra essersi sviluppata in altre regioni Dell’Estremo Oriente, tra cui Malesia, Thailandia e Birmania.

Ci sono molti riferimenti a gatti a coda corta nel folklore giapponese, tra cui la storia di un gatto la cui coda ha preso fuoco da una scintilla da un cuore vicino. Il gatto di jittery ha corso qui e yon e ha dato fuoco alle case nella città imperiale. Al mattino la città fu rasa al suolo e L’Imperatore, gettandosi a terra con rabbia, approvò un decreto che la coda di tutti i gatti doveva essere tritata corto per evitare un altro incidente.

C’è anche la leggenda di Maneki Neko, il “gatto che chiama” che ha attirato molti passanti; tanto che, infatti, la sua figura è oggi considerata un simbolo di buona fortuna nei negozi e nelle case. La facciata del Tempio di Gotokuji vicino a Tokyo raffigura anche una rappresentazione del gatto, che sembra sollevare una zampa come segno di benvenuto.

I gatti domestici sono venuto in Giappone dalla Cina e dalla Corea intorno al sesto secolo, anche se non è noto se questi gatti possedevano la coda corta di hallmark del Bobtail.

Nel XVII secolo molte treccine vagavano per le strade e la campagna del Giappone. Ci sono anche dipinti e stampe di legno dell’epoca raffiguranti gatti tri-colorati con code corte. Più spesso indicato in Giappone come mi-ke, i gatti sono bianchi con macchie grassetto o rosso e nero. Sono stati venerati dai giapponesi, che hanno fornito loro di vita lussuosa e coccolati in templi e palazzi.STORIA E ANTEFATTO

Tuttavia, il destino dei gatti sarebbe cambiato per sempre quando L’industria della seta giapponese è stata minacciata. Quando i topi iniziarono a distruggere preziosi vermi di seta e bozzoli su cui prosperava L’industria della seta giapponese, il governo dichiarò che tutti i gatti erano liberi di combattere la minaccia. Il Bobtail, poi costretto a difendersi per strada, è stato relegato in un gatto domestico comune.

Anche se è ancora considerato un simbolo di buona fortuna in Giappone oggi, il Bobtail probabilmente non sarà mai percepito con il simbolo di Stato come era una volta.

I primi Bobtail furono importati negli Stati Uniti all’inizio del 1900, anche se non sarebbero diventati popolari fino al 1968, quando Elizabeth Freret importò tre Bobtail dal Giappone. Insieme ad altri allevatori simili, Freret ha iniziato un programma di allevamento.

Nel 1969, La Cat Fanciers ‘ Association (CFA) accettò Bobtail giapponesi per la registrazione. Nel 1971, a Bobs fu concesso lo status provvisorio, e nel 1976 ottenne lo status di campione nel CFA.

Oggi, tutte le principali associazioni di gatti accettano il Bobtail giapponese per il Campionato. Recentemente una varietà a pelo lungo della razza ha inscenato un’apparizione negli Stati Uniti ed è stato accettato. È ormai ampiamente accettato che questa varietà dai capelli lunghi è vecchia come la varietà dai capelli corti.